Torino: Infestazione Hardcore XII Benefit Radio Blackout [ITA]

https://infestazione.noblogs.org/

Il festival di musica e attitudine hardcore, ancora una volta per il dodiciesimo anno, vuole unire persone e realtà legate alla musica e all’autogestione nel sostenere RADIO BLACKOUT.

Sotto agli alberi del Parco della Certosa Irreale di Collegno: bar, panini, distro e mostre.

Sul palco a partire dalle 15.00 DJ set.

Venerdì 28 e Sabato 29 Giugno, dalle 22.00 esibizioni senza sosta e senza fiato.

Se ce la fate dopo i concerti dj-set finchè ce n’è!

Per sapere dove si trova il Parco di Collegno vai alla pagina DOVE SIAMO – CONTATTI.

Non conosci Infestazione Hardcore? Se vuoi un assaggio sbircia alla pagina EDIZIONI PRECEDENTI oppure trovi chi ha partecipato alle vecchie edizioni alla pagina GRUPPI.

Per tutti i volantini, le grafiche e altro materiale video e audio vai alla pagina SCARICA & DIFFONDI.

Posted in Campada, Hardcore, Infestazione Hardcore, Italiano | Leave a comment

AgroCrust IX: Flyer

Posted in AgroCrust, Image | Tagged | Leave a comment

Indonesia: Needle n’ Bitch Solidarity Call and Fundraising Campaign [ENG]

Needle n’ Bitch believe every individual
is cool without gender stereotyping.
Needle n’ Bitch believe every individual
is sexy without consumptive.
Needle n’ Bitch believe every individual
have free autonomy over their own body.
Needle n’ Bitch believes every individual
is a rebel!

NnB profile

Who are we?
Needle n’ Bitch is a safe space for wmyn/men/trans or whatever you define your sex, sexual orientation and gender identity. Not only a physical space, but also a place, situation, and condition we create to provide safe, secure, and comfort feeling for anyone who are not able to access it in this sexist, patriarchal, and homophobic society.
Needle n’ Bitch is an effort, initiative, and spirit to create more friendly and safe space among our little ‘society’. We invite friends to support these issues and participate actively, together hand in hand building solidarity.

Needle n’ Bitch also the label of our DIY recycle handmade which we create to support our collective needs since we stand autonomously without support from NGO’s or other fundings. We make handmade recycle crafts such as totebags, pouch, note book, journal, bumbag, apron, patches, tees, etc with reused materials (fabrics and papers).

Why Needle n’ Bitch?
Some friends asked us about the word ‘bitch’ we use, most of them feel offended and uncomfortable with the word because it contains negative meaning. But we have to say proudly “Yeah we’re those
bitches”. In our society, wmyn with tattoo, smoking, dress whatever we like, not married, share house together with men, will directly and easily judge as BITCH. We try to deconstruct those perspectives by showing that these bitches has something more than you thought.

Why we need safe space?

It is obvious for us who’ve treated as ‘second’ sex in the middle of discriminative, patriarchal, and sexist society, every single word and act we take were harassed, ignored, misunderstood, discriminated, etc.
Generally we are facing constant, structural and systematical repression in our life which came in many forms and layers. We’re seen as unimportant being, helpless, powerless. It’s very difficult for
us to express our self, to show our emotion, passion, feeling, and honest without feeling insecure, dominated, and repressed. We are forced to obey and follow the ‘standard’ and ‘normality’ which created by the society, culture, state, advertisement, religion, and capitalism.
Our space is not for wmyn only, whoever you are; men, women, transgender, queers, whatever you define your identity, sexual orientation and preference is; hetero, gay, bisexual, mono, poly, etc,
you are welcome to share with us. You can express your mind and feeling freely and open, express your experiences, thoughts, opinion, ideas or whatever that you’ve kept inside and not able to deliberate in other places because you’ve been judged as immoral, sinner, not normal, freak.
We are using skill share as one medium to learn together such as sewing, making craft, screenprinting and anything with DIY culture. We talks and discuss various issues starting from feelings, politics
(environment, farmers and agrarian struggle etc), sexuality, anger, and bed. We also held discussions, campaign, workshops, information distribution about gender awareness, reproductive and
sexuality health, through various medium.

Activities:

  • DIY studio (screenprinting, sewing and crafts production)
  • Alternative library
  • Crafts production and distribution with wmyn’s, sexuality, body authority, autonomy, DIY culture, and politics issues
  • Info sheet; in each craft we create, we include some information such as menstrual calendar, safe abortion hotline, etc
  • Bitching; skill shares together with discussion about sexuality, relationship, politics, etc
  • Tabling; selling our crafts and mini library in various events or in public spaces
  • Workshops; free skill share in events or communities
  • Zine and flyers; we’ve made ‘Sister Be Strong’ zine, a compilation of personal stories from friends with sexual abusive and repression experiences, struggles to defend their rights on their body and autonomous decision.
  • ‘Crafty Queer’ zine about queer forum and issues, and ‘Kaplok Balik’ zine about self defense taken from our self defense class.
  • Translation of closed related issues into Indonesian language
  • Campaigns (film screening, workshop on sexuality issues, sharing session, discussion, exhibition, postering, social media, etc)
  • Self defense class
  • Crafty Queer; fluid LGBTQ forum from various backgrounds, combine theory/discussion to creativity (DIY artworkshops; collage, stencil, poster, etc)
  • Women Safe Space
  • Unplanned Pregnancy helpline
  • Kesprolution (sexual health division; education, workshop & regular check)
  • “Pembelot” DIY Menstrual Pack; produce and distribute handmade washable menstrual pads and info pack (’Datang Bulan’ zine about menstruation, pattern and how to make and take care your own mens pad)
  • Reusable Menstrual Pads Workshop; hold workshop how to make reusable mens pad, and womyn health for students, communities and rural women

Fundraising Letter

https://archive.org/details/@needle_and_bitch

Posted in Antisexismo, Campaña, English, Llamamiento | Tagged , , , , , | Leave a comment

AgroCrust IX: Ultimo comunicado [CAT-CAS-ENG]

El Agro-Crust IX por fin tiene lugar! Se ha decidido hacerlo en el
campo de Kan Seitan (okupado hace más de un año, actual masovería)
entre Besalú y Crespiá (Gironés) los días del 11 al 14 de Julio 2019.
Se hace un llamado a todos los kolektivos, grupos y individualidades de
acercarse e implicarse en las preparaciones y la realización del evento!
Se necesita apoyo práctico de personas comprometidas con el d.i.y.,
la lucha anarquica y la okupación.
También necesitamos los siguientes materiales:
* utensilios de cocina (ollas grandes, focos de butano etc.)
* carpa grande o tiendas grandes
* palets/tablas/mesas/caballetes
* cables/alargadores/focos
* verduras de huertos ecológicos y alimentos veganos
* neveras
* cerveza artesana
* …
Aún faltan por confirmar talleres y charlas…
Habrá espacio para montar distris anticomerciales (trae tu mesa!).
Pedimos la máxima difusión del flyer entre lxs compas en CSO’s,
kasas okupas, lokales autogestionados, ateneos etc.
Lamentamos que ésta vez no se ha podido organizarlo en un lugar más
cercano a una estación de tren (la próxima es la de Figueres a 20km).
Hay Autobus L0803 Figueres-Olot. La parada más cercana es la de
Maiá de Montcal (el último sale a las 17.15h de Figueres y tarda 25 min.).
La llegada en coche es bastante fácil; desde la ctra.N-260 (km 57.5) se
coge un camino de tierra de 600m y ya está.
Los trabajos de preparación se realizarán desde principios de Julio,
especialmente el fin de semana del 5 al 7 de Julio donde se necesita
máxima presencia de lxs compañerxs solidarixs.
Para cualquier duda, pregunta o confirmación podreis escribir al email:
liberacionomuerte@yahoo.com
Agradecemos todas las expresiones de apoyo!
Os esperamos a todxs animadxs, libres & salvajes!
Salud & Anarquía
PD: El cartel impreso saldrá pronto!
       La programación completa, mapas etc. podreis encontrar
       unos días antes en el blog: https://resiste.squat.net
CAT-ENG
Posted in AgroCrust, Castellano, Catalá, English, Hardcore | Tagged | Leave a comment

AgroCrust IX: Comunicado [CAS-ENG]

Aupa compas/amigxs!
Esto es un ultimo llamado a las bandas que quieren tokar éste año de confirmar
sus tokatas en el Agro-Crust. En total un grito salvaje a todxs de decidirse si
están dispuestxs de implicarse: Se busca voluntarixs para todas las tareas, sea
participar en las preparaciones (que empezarán el finde 6/7 de Julio) o luego en
los días del evento, haciendo talleres, charlas y/o debates. A las distris, como a
toda actividad que debería salir en el cartel, se pide que confirman su asistencia
hasta el 20 de Mayo!!! También está la idea de crear bonos de apoyo para poder
financiar una parte de los gastos del evento entre todxs. Así podremos continuar
organizar el Agro-Crust sin cobrar entrada fija mediante donaciones voluntarias.
Aún estamos en busqueda de espacio para el Agro-Crust de éste año…; así que
si hay propuestas donde se podría montar porfa poneros en contacto cuando antes!
Seguiremos defendiendo nuestras ideas anarquicas en teoría y praxis hacía la
liberación total.
La autogestión individual y kolectiva se refleja en las capacidades del “hazlo tu
mismx” (d.i.y.) como herramienta para conseguir nuestro objetivo de destruir a
ésta civilización hipócrita de dominación humana para crear condiciones que
podrían servir para un mundo nuevo sin autoridad ni jerarquías. Expresamonos
libremente en autodefensa y ataque a todo lo que nos oprime! Por la revuelta
insurrecta contra lo artificial de sus sueños democraticos: Fuego a la techno-
cracia y la dictadura del estado/capital! Que viva la Anarkía!
kontakto: liberacionomuerte@yahoo.com
Agradecemos la difusión del flyer!
Posted in AgroCrust, Castellano, English | Leave a comment

Barcelona: Numeros sorteo rifa antirrepresiva [CAS]

Los numero son:

Por la Bici: 125

Por la cesta de libros: 370

Posted in Castellano | Comments Off on Barcelona: Numeros sorteo rifa antirrepresiva [CAS]

Poland as a country free from torture [ENG]

Over the past year, since we, as Warsaw anarchist Black Cross, started publishing our new anti-prison and anti-repression newsletter, we have put lots of attention to torture subject, to those who experience it, and to institutions and states that use it. Our aim is calling for solidarity and opposing such practices. Many of the situations we are describing in our bulletin had place abroad. However, are we aware of what is happening in our backyard? Over the last two to three years, this subject has become more visible in Poland as a result of the increasing number of published and disseminated information, mainly focusing on police violence. Police violence is a fact, an undeniable fact. However, as we will show, unfortunately, this is not the only problem we have to face. The following text aims to bring this problem closer to you and to look at it from a number of perspectives.

Why is there “no torture” in Poland?

The question is, as you certainly noticed, perverse. Is there really no torture in Poland? What about all the cases of beatings and killings committed by the services? What about extortion? In Poland, torture exists in reality, but it does not exist in the sphere of documents and law. To put it simply, there is only one document in this country, namely a paragraph referring to this subject, namely Article 40 of the Constitution: “No one shall be subjected to torture or cruel, inhuman or degrading treatment or punishment. The use of corporal punishment is prohibited. However, there is no mention of this in the Criminal Code, the Police Act or any other law. Thus, there is no “state” definition of torture, no definition of what it is, and even less of the consequences for those who use it. Of course, we are not talking about international agreements, human rights charters and so on. We are talking about documents that have force in this country.

Thus, people who have experienced any form of inhumane treatment on the part of the state can only invoke the paragraph on the exceeding of powers. This is not a joke. The Office of the Ombudsman has been informing about this problem for years and has been calling for changes to be made to legislation. The result is, of course, poor, and every year, more and more people experience what we can boldly call torture.

Where is torture used?

Although the most frequently reported cases of inhumane treatment of people relate to the situation in police stations, police cars or simply in the street, these are not the only places. The annual reports of the National Torture Prevention Mechanism (KMPT) show that they are equally used in other institutions: prisons and detention centers, psychiatric hospitals, social welfare homes, sobriety centers, juvenile detention centers, border guard facilities, refugees detention camps, care and treatment centers or 24-hour care centers for the disabled, chronically ill and elderly. The list is long and frightening. The more so because practically each of us, or a person close to us, has stayed in one of these places at least once in his or her life. There are more than 3 000 such institutions of detention in Poland, and in many cases there are drastic abuses.

What happens behind the closed doors?
Continue reading

Posted in Antifascism, Carcel, English, Polski | Tagged , , , , , , , , | Comments Off on Poland as a country free from torture [ENG]

Subversive May 2019: In solidarity with the captured companions* in Italy! [ENG-ITA]

[ENG]

Against all authority and repression!

In Turin and Trento, 14 people are accused of forming a subversive association, inciting crime, and possessing, manufacturing and transporting explosives to a public place. Furthermore, the operation “Scripta Manent”, where the public prosecutor’s office demands a total of 204 years in prison for the attacks of the Informal Anarchist Federation, and the operation “Panico”, where 3 companions are accused of having attacked a fascist library with an explosive device, is still running.

Those who have decided to oppose any domination in the social conflict must live with the constant uncertainty of sooner or later being held accountable for their own actions by the opponents of freedom and self-determination. The idea and the longing of a society liberated from exploitation and oppression should thus be nipped in the bud.

This is especially the case for the anarchist movement in Italy. This is being tackled by the state. The affected vehicles* are to be buried alive in their cells with draconian judgements. Their accomplices* and the solidary environment unequivocally profess their permanent enmity against the regime with regard to their kidnapping. The understanding of an anarchism that has set itself the goal of fundamentally criticizing, denouncing and attacking society and its morals of alienation and incapacitation also has an international component. Therefore, the responsibility and solidarity for companions* who fall into captivity lies with all those who recognize themselves in the will to subvert and the ideas of freedom. Yes, the lived subversion puts us in danger, but it also gives us the liberating possibility and moments of self-empowerment and self-determination.

«I claim being antiauthoritarian, individualist, for insurrection and the destruction of this lurid and fetid existent and of the State-Capital! Forever your enemy! For Anarchy!» (Gioacchino Somma, defendant in Operation Scripta Manent)

Agitation, Solidarity, for the revolt!

For a hostile May and a whole life full of subversion!

[ITA]

Contro ogni autorità e repressione!

A Torino e Trento: 14 persone sono accusate di associazione sovversiva, istigazione al crimine, possesso, produzione e trasporto di esplosivi in un luogo pubblico. Inoltre, è ancora in corso l’operazione “Scripta Manent”, dove la procura richiede un totale di 204 anni di carcere per gli attacchi della Federazione Anarchica Informale, e l’operazione “Panico”, dove 3 compagni sono accusati di aver attaccato una biblioteca fascista con un ordigno esplosivo.

Coloro che hanno deciso di opporsi a qualsiasi dominio nel conflitto sociale devono convivere con la costante incertezza di essere prima o poi ritenuti responsabili delle proprie azioni da parte dei nemici della libertà e dell’autodeterminazione. L’idea e il desiderio di una società liberata dallo sfruttamento e dall’oppressione andrebbero così stroncati sul nascere.

Questo è il caso in particolare del movimento anarchico in Italia. Lo Stato sta affrontando questo movimento. Lo scopo è di seppellire vivi i compagni/e nelle loro celle con sentenze draconiane. I loro complici e il movimento solidale esprimono inequivocabilmente il loro astio permanente contro il regime per quanto riguarda il loro rapimento. L‘idea di un anarchismo che si è posto l’obiettivo di criticare, smascherare e attaccare la società e la sua morale di alienazione e incapacità ha anche una componente internazionale. Pertanto, la responsabilità e la solidarietà per i compagni e le compagne che cadono in prigionia è di tutti coloro che si riconoscono nella volontà di sovvertire e nelle idee di libertà. Sì, la sovversione vissuta ci mette in pericolo, ma ci dà anche la possibilità liberatoria di vivere momenti di autodeterminazione e autonomia.

„Rivendico il mio essere antiautoritario, individualista, per l’insurrezione e per la distruzione di questo lurido e fetido esistente e dello Stato-Capitale! Per sempre nemico vostro! Per l’Anarchia!„ (Gioacchino Somma, imputato nell’operazione Scripta Manent)

Agitazione, solidarietà, per la rivolta!

Per un maggio ostile e una vita piena di sovversione!

Posted in English, Italiano | Comments Off on Subversive May 2019: In solidarity with the captured companions* in Italy! [ENG-ITA]

Barcelona: Concierto 4 mayo 2019 y Sorteo Antirrepresivo Benefit represaliadxs en italia y chile [CAS]

cartel para imprimir

Concierto 4 Mayo 2019

Rock’n'Trini
(Via Favència, 441, 08033 Barcelona: ver Mapa)

Benefit represaliadxs en italia y chile

Apertura de puertas: 21:00h, Entrada Solidaria

22:00h concierto con:

* Clika Pika (más que Rap)

* Els Xiclets Mutants de Vandellos II (Cru instrumental desde la Central Nuclear de Vandellòs II)

* La voz Rota (rap electronico)

Fiesta Salvaje!
con KinkiSound

Mojitos, Distri benefit, Cervezas y chupitos, Durum veganos by LaPapaNegra

+ Sorteo Antirrepresivo

1 Premio:

Posted in Castellano, Concierto, Eventos, Pro-Presxs, Resiste!, Solidaridad | Tagged , , , , | Comments Off on Barcelona: Concierto 4 mayo 2019 y Sorteo Antirrepresivo Benefit represaliadxs en italia y chile [CAS]

Torino: 30 marzo, una città sotto assedio [ITA]

polizia.jpg

fonte: https://www.autistici.org/macerie/?p=33525#more-33525

Il corteo di sabato 30 marzo resterà certamente impresso nella memoria di tanti. Per contrastare una manifestazione che voleva bloccare la normalità cittadina, le autorità locali hanno pensato bene di militarizzare una considerevole porzione di Torino. Per tutta la giornata di sabato hanno istituito una gigantesca Zona Rossa, che superava l’intero centro cittadino estendendosi fino ai quartieri di Aurora, Barriera di Milano e di San Salvario. Per farlo hanno schierato circa duemila agenti, oltre a blindati, elicotteri e idranti, chiuso tutti i ponti sulla Dora con camionette e grate, e bloccato per sei ore corso Novara e via Aosta per impedire a duecento compagni di raggiungere il corteo. Hanno sospeso le corse di molti tram, disposto la chiusura dei dehors di numerosi bar e anticipato quella di alcuni mercati rionali. Per alcune ore sono state poi chiuse le fermata della Metro di Porta Nuova e gli stessi ingressi centrali della stazione. Persino la raccolta dei rifiuti è risultata sconvolta da questo dispositivo militare, i cassonetti di un bel pezzo della città sono stati infatti rimossi diverse ore prima l’inizio della manifestazione.

Se prima si poteva parlare di un quartiere sotto assedio, sabato abbiamo avuto prova di una città sotto occupazione.

Intorno al capoluogo sabaudo sono stati disposti, sin dal venerdì, controlli minuziosi presso i caselli autostradali e sui treni diretti in città. Proprio in uno di questi controlli sono stati fermati quattro compagni da Vicenza, arrestati (finiranno ai domiciliari) e ora in attesa dell’interrogatorio di garanzia, viene imputata loro la detenzione di materiale esplodente. Un’altra storia tra le tante è invece quella di venerdì: un ragazzo che si trova su un treno per Torino, mostra il biglietto al controllore ma il titolo di viaggio in questo caso non basta, ha infatti disposizione di avvertire le forze dell’ordine quando incontra qualcuno che abbia un aspetto da manifestante. Alla fermata successiva salgono quindi sul treno alcuni poliziotti e il ragazzo è costretto a scendere; dopo una perquisizione e una denuncia a piede libero, questo ragazzo decide comunque di recarsi a Torino per la manifestazione. Ad aspettarlo sui binari trova però due uomini della Digos che con un foglio di via già pronto lo rimettono su un treno che si allontana dalla città…

Quello approntato per la giornata di sabato è stato un vero e proprio dispositivo da controvertice, quando l’incontro di molti capi di stato da una parte e di diverse migliaia di manifestanti dall’altra porta i responsabili dell’ordine pubblico a stravolgere profondamente l’abituale andamento di una città. Che questo sia avvenuto per una manifestazione di dimensioni e rilevanza certamente minori la dice lunga, tanto delle risorse che sono stati disposti a investire quanto dell’importanza attribuita al corteo del 30.

Continue reading

Posted in Italiano, Manifestación, Noticia, Reflexión | Comments Off on Torino: 30 marzo, una città sotto assedio [ITA]

Fenix 2: Another repressive operation in Czech republic [ENG-DEU-FRA-ITA]

What is Fénix 2 about

https://antifenix.noblogs.org/files/2018/06/f%C3%A9nix-2-cz.png

In April 2015, first accusations appeared and first part of Fénix started. In March 2018, Higher court in Prague dropped all the charges for all people involved in the case. Meanwhile, the second part of Fénix arrised and this article explains, what is it about.

From first to the second part

When the police started operation Fénix, some media claimed, that SRB (Network of Revolutionary Cells) was scattered. Yet sabotages and arson attacks continued and the amount of them raised. Soon, it became obvious, that it’s going to be hard to connect accused people with those activities, so the police started to “investigate”.

They focused on interrogations, analyses of materials seized in home raids and also on tracking people. Among them, there was also an anarchist Lukáš Borl, who decided to go underground at the end of the summer, because of harassment of him and his close ones by the police. In the winter 2016 police profiled Lukáš as “wanted” and claimed as dangerous and armed. Since this moment, we can talk about the beginning of Fénix 2.

On 4th of October, Lukáš was captured in Most by police officer Zdeněk Prošek. He told him the charges, which he was accused of several months ago, without his presence. At that moment he found out, what they were about.

Lukáš was charged of creating, supporting and propagation a movement leading to suppression of rights and freedom of people. According to police, he should be at the foundation of The Network of Revolutionary Cells (SRB), participate on some actions of SRB, write down some of the communiques of SRB and publish all of them at Asociace Alerta website. Investigators also claim, he is responsible for destroying of property in four cases. Twice by burning police car. Once in arson attack on a door of a shop. And once by spray painting on the walls of Praha Ruzyně prison. At last, the police is claiming, that he blackmailed the owner of restaurant Řízkárna, who is infamous for not paying his employees. Later they added charges for creating fake documents. Specifically ID of citizen of Poland, which Lukáš had with him during the arrest.

Lukáš spent more than seven months in custody in the city of Litoměřice. Several weeks after his release, at 9th of June 2017, police accused four other people and it all became Fénix 2.

Continue reading

Posted in Deutsch, English, Français, Italiano, Juicio | Tagged , | Comments Off on Fenix 2: Another repressive operation in Czech republic [ENG-DEU-FRA-ITA]

Torino: Da soli vince il padrone – volantino dei lavoratorx per il corteo del 30 marzo [ITA]

DA SOLI VINCE IL PADRONE

ORGANIZZIAMOCI DENTRO E FUORI DAL LAVORO!

Il lavoro non ha sempre coinciso con l’attività umana, il lavoro non rende liberi…

facchini dei Mercati Generali di Torino (CAAT) ogni notte fanno “il miracolo di dare da mangiare alla città” lavorando in nero fino a 16 ore al giorno per 4 euro l’ora.
venditori di stracci, minacciati dal Comune di essere cacciati dal Balon, lottano ogni giorno per il pane con ingegno e fatica, circondati da parassiti che vogliono farsi i soldi sul loro sudore.
Le lavoratrici delle cooperative sociali, con cui viene privatizza ed esternalizzata la sanità, fanno fronte al lavoro produttivo e riproduttivo in condizioni di enorme ricattabilità e salari intermittenti.
Gli sfruttati nelle cucine dei localini pettinati per turisti che proliferano nei quartieri gentrificati lavorano fino a 12 ore al giorno, subendo spesso l’ulteriore ricatto del permesso di soggiorno.
Intanto, sono sempre più i lavoratori senza lavoro, definiti “inadatti”, “non corrispondenti ai requisiti”, “inutili”… numeri zero nei libri contabili di questa città.

Dai voucheristi nei cantieri, ai rottamatori di rame, ai riders del “food delivery”, a* precar* della scuola, ai braccianti, agli operatori nei call center, agli addetti alla logistica di Amazon, alle badanti, agli studenti in alternanza scuola-lavoro, una cosa è chiara: la classe operaia e subalterna non è affatto morta, qui a Torino come altrove.
La normalità totalizzante del capitalismo avanzato mira a produrre solitudine, alienazione, guerra tra poveri, italiani contro stranieri, tutt* contro tutt*.
Ma sotto la cenere ancora cova la rabbia…

L’unico orizzonte possibile è organizzarsi e ritrovarsi nella lotta contro chi sfrutta: i Padroni di questo Stato e di questa Città. Contro le Fondazioni bancarie come la Compagnia di San Paolo e la Crt, le multinazionali come FCA e la Lavazza, i grandi investitori pubblici e privati, come la SMAT e la GTT. Gli speculatori del food, come Foodora e Deliveroo, i palazzinari come Molino. Contro tutti i Padroni, grandi e piccoli.
Contro i loro dispositivi di controllo e smistamento della manodopera – le agenzie interinali, le cooperative, il caporalato – che servono ad oliare un sistema economico fondato sullo sfruttamento intensivo alla bisogna (just in time), negando la vita nel presente e nel futuro.

Né un decreto dignità, né un reddito di cittadinanza fondato su un workfare paternalista potranno mai camuffare la schiavitù. La necessità costringe a subire il ricatto del lavoro, dove gli scopi, gli obiettivi, i prodotti delle attività sono espropriati. Dove i desideri sono repressi.
Produci-Consuma-Crepa. Il lavoro è il furto della mia e della tua vita. Rompere con la logica del lavoro è il primo passo per ritrovare la propria vitalità nel presente.

“Che mondo senza grazia e privo di gioia, il mondo del lavoro.  (…) Non vite create con gioia nella complicità e nel conflitto, con spontaneità, ma sopravvivenza che si trascina nell’abitudine, in ruoli prefissati, in cui sonnambuli senza pensieri ripiombano, ingranaggi di una macchina il cui scopo gli sfugge. Ciò che conta davvero è che si lavori… che tu lavori… che io lavori…”

Allora perché non riprenderci la vita, il desiderio, il divenire? Perché non immaginare nuove avventure conflittuali di complicità e lotta dentro e fuori dal lavoro?

Sabato 30 marzo ci sarà un grande corteo contro tutte le forme di repressione diretta e indiretta che si respirano a Torino. Uniamoci e riconosciamoci dentro uno spezzone contro i padroni!

Troviamoci alle 14:00 a Porta Palazzo Nord 
(davanti alla farmacia all’angolo con Corso Giulio Cesare)

Posted in Italiano | Tagged , | Comments Off on Torino: Da soli vince il padrone – volantino dei lavoratorx per il corteo del 30 marzo [ITA]

Torino: Corteo 30 marzo contro sgomberi e repressione – aggiornamenti in diretta [ITA]

corteo-felice.jpgCorteo contro sgomberi e repressione

Torino, 30 marzo 2019

Concentramento ore 15 davanti a Porta Nuova, Piazza Carlo Felice

Aggiornamenti in diretta (da Radio Blackout):

11:24 Fermi digos in Borgo Aurora, 10 camionette in Corso Brescia, posto di blocco al casello in tangenziale a Settimo (per chi arriva da Aosta, uscire a Volpiano).

5 spezzoni raggiungeranno il concentramento alle 15:00 in Piazza Carlo Felice:
– Alle 12:00 incontro al Valentino da parte dei teatranti della Nave dei Folli teatranti, picnic per prepararsi al Corteo;
– Alle 13:30 spezzone studentx dal campus einaudi, lungo dora siena;
Spezzone lavoratorx 14:00 da Porta Palazzo Nord (davanti alla farmacia all’angolo con Corso Giulio Cesare);
– Secondo Spezzone dex lavoratorx alle 14:00 da Piazza Benefica;
– Spezzone Sole e Baleno 14:30 da Largo Saluzzo;

11:49 Scuola di Via Tollegno, fermi in zona fin da ieri da parte di digos (anche venuti da bologna e roma), perquisizioni zaini e sequestro indumenti, poco fa caricata in macchina una compagna che era in bici, altre persone ieri tratte in arresto dal posto di blocco in tangenziale.

Telefono di Radio Blackout: +393466673263
Telefono per fermi a arresti: +393494275582
Telefono assistenza legale: +393409225723

12:08 Chiuso corso unita d’italia in direzione centro; controlli in autostrada da asti; posto di blocco casello tangenziale sud;

12:35 Decine di camionette in Via Quittengo, zona Via Bologna; la gente inizia a radunarsi nel Parco del Valentino, sulla collinetta tra corso massimo d’azeglio e corso vittorio; in Corso fiume si avvistano moto degli sbirri;

12:40 Si confermano 4 persone dal veneto arrestate ieri sull’autostrada all’altezza di Rondissone; ieri a novi ligure dopo un controllo sul treno sequestrati 2 caschi, tirapugni e altri oggetti, travisamenti: emesso un foglio di via;

12:44 Si avvista idrante in passaggio dal Politecnico; fila di camionette all’altezza delle poste in via nizza;

12:49 Controllo sull’autostrada da Milano all’uscita di chivasso;

13:23 Lo spezzone dalla nuova occupazione di via tollegno é stato bloccato all’altezza di via muzio clementi con 7 camionette di carabinieri;

13:36 Mercato porta palazzo, pieno di gente, gli sbirri vanno in giro dicendo che ci sará casino e spingendo i mercatari a chiudere, mentre in altri mercati sono tranquillamente tutti aperti. 25 camionette in corso palermo. San salvario: percorso dal paso a piazza madama, via madama tutta libera, 5 moto in corso marconi.

Continue reading

Posted in En Directo, Eventos, Italiano, Manifestación, Repressión, Solidaridad, Squatting | Tagged , , | Comments Off on Torino: Corteo 30 marzo contro sgomberi e repressione – aggiornamenti in diretta [ITA]

Wolność dla Radka ! [PL]

Nasz kolega Radek, od 5 miesięcy przebywa w Holenderskim areszcie, oskarżony o próbę podpalenia ambasady. Grozi mu do 12 lat więzienia.

Radek, jak wielu pracowników na emigracji, od dawna zmagał się z wyzyskiem ze strony pracodawcy. Wyzysk, niesprawiedliwa płaca, nierozliczane nadgodziny, fatalne warunki mieszkaniowe – realia pracy na Zachodzie. Radek przez długi czas próbował rozwiązać problem w sposób mniej radykalny. Starał się nagłośnić sprawę, zainteresować media, wyegzekwować swoje prawa. Jednak bezskutecznie. W końcu zdecydował się na odważny krok. Udał się do Ambasady Polskiej w Hadze z kanistrem benzyny i zapalniczką. Poinformował o zamiarze podpalenia i poprosił o ewakuację osób. Jednak w rzeczywistości zapalniczka była celowo uszkodzona – wyciągnął z niej sprężynki, tak aby ostatecznie nie mogło dojść do wzniecenia ognia.
Swoim zachowaniem chciał zwrócić uwagę na warunki, jakie agencje pracy „serwują” polskim pracownikom w Holandii. Zrobił to w swoim imieniu, jak również w imieniu wszystkich którzy tak jak on są uciskani przez machinę wyzysku.
O szczegółach całej sytuacji poinformujemy, jak tylko dojdzie do nas list od Radka, w którym opisuje całą sprawę i warunki pracownicze w Holandii.
Nasz kolega chciał nagłośnić ogromny problem, który uderza w ludzi bezbronnych, potrzebujących pieniędzy, mających rodziny na utrzymaniu. Chciał pokazać skurwysyństwo, na które jest przyzwolenie. Tymczasem jego krzyk został stłumiony, sprawa wyciszona, najlepiej jakby szybko zakończyła się odsiadką.
Czekają go jeszcze dwie rozprawy – wyrok ma zapaść w lipcu.
Teraz, nasz kolega potrzebuje maksymalnego wparcia. Musi wiedzieć, że ludzie usłyszeli o tym, co miał innym do przekazania.
Dlatego zachęcamy do pisania listów (będzie to dla Radka jedna z niewielu rozrywek podczas tych miesięcy spędzonych w jednoosobowej celi).
Radoslaw Bogacki RB number 08445474
Pl Alphen aan den Rijn locatie Eikenlaan 36
PO BOX 762
2400 AT ALPHEN AAN DEN RIJN
HOLAND
Jeśli jesteście w stanie przyda się również wsparcie finansowe (nr rachunku na priv).
Zachęcamy Was do akcji solidarnościowych.
 7 kwietnia o godzinie 12:00 zapaszmy na PIKIETĘ SOLIDARNOŚCIOWĄ POD AMBASADĄ HOLANDII W WAWIE ul. Kawalerii 10.
Jeśli ktoś ma namiary na jaką prasę, albo na inne miejsca do których warto uderzyć z tematem prosimy o kontakt w priv albo na e-maila FASlask@protonmail.com

Posted in Polski | Tagged | Comments Off on Wolność dla Radka ! [PL]

Torino: Occupata l’ex scuola in Via Tollegno [ITA]

fonte: https://www.autistici.org/macerie/?p=33519

Ieri è stata occupata l’ex Scuola Salvo D’Acquisto di via Tollegno 83, nel cuore di Barriera di Milano, per ricavare nell’angustia di questa città uno spazio in cui organizzarsi, cospirare, portare le spore della tensione di libertà dell’Asilo.

Nelle ore successive all’ingresso, alla luce del sole pomeridiano, tutto si è chiarito ulteriormente anche su un altro piano, quello becero della politica: si sa che quella scuola è stata svuotata dall’amministrazione di Chiara Appendino e dal suo progressista assessore all’Urbanistica Montanari, ma lo spettacolo di un edificio magnifico, fiore all’occhiello dell’edilizia scolastica torinese (leggi qui la storia della costruzione), lasciato a marcire, suscita sbigottimento anche in chi come noi ha malizia da vendere. Aule luminose, androni infiniti, campi sportivi interni, una piscina professionale e le piscinette per i bambini più piccoli, un auditorium e un vero e proprio parco alberato che circonda tutto questo. Da Palazzo di Città da un giorno all’altro e senza troppe spiegazioni lo hanno dichiarato inagibile, come scuola pubblica per la periferia ai pentastellati non piaceva, meglio indire un bando e tutto quel bendidio renderlo accessibile solo ai bambini i cui genitori possono pagare l’ingresso, insomma meglio indire il bando per una piscina privata. I vincitori, appena fuoriusciti da un altro progettino di nuova capitalizzazione della periferia, il Bunker, già si sono espressi. Dicono infatti dalla Vertigimn Scuola di Acrobatica: “ma come noi abbiamo vinto il bando per il bene dei bambini della periferia! Speriamo si risolva tutto presto”.

Diretta con Radio Blackout:

Il fiore all’occhiello del quartiere: nuova occupazione in Via Tollegno 83!

Continue reading

Posted in Italiano, Squatting | Tagged , , , | Comments Off on Torino: Occupata l’ex scuola in Via Tollegno [ITA]

Resiste!: 1312 Image

Posted in Image, Multimedia, Resiste! | Tagged , , , , | 1 Comment

Wien (Austria): Anarchist Black Cross Solidarity Festival 25-27 april 2019

Posted in Charla, Concierto, Encuentro, English, Eventos, Pro-Presxs, Taller | Tagged , , , , | Comments Off on Wien (Austria): Anarchist Black Cross Solidarity Festival 25-27 april 2019

Torino: Blocchiamo la città – Corteo contro sgomberi e repressione – 30 Marzo 2019 [ITA-FRA-CAS]

La normalità di questo mondo pare essere totalizzante, negli ultimi anni i processi economici e politici hanno concluso un’opera terribile iniziata con le navi dei commerci tra continenti e le ciminiere di Manchester.
Ogni sfera dell’esistenza umana e ogni pezzo di questo pianeta sono stati fagocitati e risputati come sostanza putrida, non c’è nessun punto dell’intero globo che non sia stato distrutto dalla bulimia sfrenata del capitalismo; non esiste più un pezzo di terra libero, né la possibilità di una vita dignitosa non piegata dalla schiavitù lavorativa per il profitto di un padrone spesso senza volto.
Non esiste altresì neppure la possibilità di sottrarsi, come qualcuno sostiene, adottando comportamenti virtuosi o di autosufficienza materiale in una vita da eremita: nel mondo devastato i liquami industriali e l’aria sporca arrivano ovunque e  proclamano una promessa di morte a cui lo Stato non accompagna più neppure la possibilità di curarsi poiché dopo aver messo fuori legge ogni conoscenza e pratica sul corpo che prescindesse dalla sua mano medica, ora chiude i rubinetti della sanità, lasciando a chi non può pagare esose visite private il peso di affrontare ogni malattia senza lamentarsi; nel mondo devastato non esiste un altrove al riparo da regolamenti edilizi, controlli di polizia e censimenti; nel mondo devastato non esiste un altrove in cui non arrivino le grida di uomini, donne e bambini che affogano in mare, che scappano dalla povertà, che vengono sfrattati e buttati in mezzo alla strada.

La stessa possibilità di immaginare e praticare un attacco che ci possa far respirare libertà, viene sempre più aggredita dagli apparati della repressione, sul piano materiale dal lavoro di polizia e magistratura e su quello simbolico dagli inneggiati valori di legalità e democrazia del mondo occidentale, entro i quali deve svolgersi un pacato dissenso, collaborante e partecipativo, pena lo spettro del terrorismo e di un terrificante caos sociale – per loro e per chi ha qualcosa da difendere in un mondo devastato. Chi non vuole sedersi al tavolo di trattative con istituzioni, banche ed enti caritatevoli può accomodarsi nelle patrie galere.
Quanto quest’ordine asfissiante entro cui si erige e raffina il controllo non sempre tenga, lo mostrano le esplosioni di rabbia e distruzione che nascono da un pieno di sopportazione e sfociano in ribellioni diffuse pur senza trovare una prospettiva.
In Italia è più che mai visibile questo sfacelo e dopo anni di ristrutturazione economica la guerra endemica per la sopravvivenza diventa palese, gli impoveriti sono aizzati contro i diseredati, i cittadini contro gli stranieri, chi ha rinunciato definitivamente alla propria libertà contro chi non si arrende: è il germe della guerra civile che cerca di uscir fuori dalle ceneri del conflitto sociale.
Un clima questo che è eredità dell’operato di ogni istituzione statale nazionale e delle tensioni predatorie del capitalismo globale. L’ultimo governo ha giovato elettoralmente di questa situazione canalizzando a proprio favore l’insofferenza di vaste fasce di popolazione: Movimento 5 Stelle e Lega hanno costruito in coro un orizzonte di disciplina al lavoro e repressione acuta, dal reddito di cittadinanza fino al pacchetto sicurezza. Senza troppe riflessioni analitiche si può affermare che insieme questi due partiti hanno costruito la maggior sproporzione di potere dell’Italia repubblicana tra governanti e governati, fornendo allo Stato la possibilità di intervenire con forza bieca in ogni situazione di crisi sociale o contro ogni tentativo di resistenza. Questo è il terreno in cui si muove la violenza statuale, che è pressoché unilaterale, dall’alto verso il basso, e ha come obiettivo quello di mantenere indisturbata questa direzione, di uccidere sul nascere qualsiasi lotta degli oppressi.
A Torino, città sull’orlo fisico della bancarotta nonostante tutti i tentativi di riconfigurare l’assetto monolitico e industriale dell’economia in uno di investimenti diffusi e turismo, ha preso il potere comunale proprio uno dei due partiti a capo del parlamento nazionale. Il M5S, attraverso il volto nuovo della alto-borghese Chiara Appendino, è salito in Sala Rossa grazie il voto elettorale delle periferie a cui ha promesso a gran voce e senza pudore crescita occupazionale e servizi sociali. “Basta opere inutili, solo welfare e rinascita!”, andavano dicendo. Non ci è voluto molto e l’illuso elettorato è tornato presto con i piedi a terra, in città non si riesce neppure a prenotare una visita medica e la maggior parte dei “torinesi” vive in spazi angusti spartendo salari precari e frustrazioni sicure. Si arranca come prima, peggio di prima. Dopo quasi tre anni, l’amministrazione comunale è a un passo dalla caduta e i risultati che sottolinea di aver raggiunto sono manco a dirlo quelli repressivi: lo sgombero dei rifugiati dalle palazzine dell’ex-Moi, lo sgombero dei campi rom e quello degli anarchici.
Non è un caso che quest’ultimo continui a preoccupare i politici cittadini e le autorità poliziesche. L’Asilo occupato era un posto in cui si provava con costanza a organizzarsi contro questo mondo di miseria e sfruttamento, e questo grande e ostinato coraggio è per lorsignori un esempio troppo pericoloso in questi tempi. Sono consapevoli infatti che hanno fatto seccare ogni prato, che ora vige il silenzio di questo deserto, ma sanno anche che la sterpaglia prende fuoco e che brucia velocemente.
Chiunque provi a essere scintilla deve essere spento, soffocato.
Così come hanno provato a soffocare la rabbia di sei compagni arrestati a Torino per la lotta contro il Cpr, così come hanno provato a soffocare la rabbia di sette compagni trentini accusati di terrorismo.
Così come provano a soffocare con la paura la tensione di chi nelle ultime settimane è sceso in strada a dare filo da torcere a chi decide e reprime.
In ballo oggi non c’è solo il destino di un asilo o di un gruppo di caparbi anarchici, il ballo oggi c’è il seme del coraggio, il seme che tutti coloro che vedono gli scempi di questo presente devono preservare come la cosa più cara.
Il 30 marzo a Torino bloccheremo la città per continuare a innaffiarlo.
Se un fiore nuovo nascerà dipende da noi.

Con Agnese, Silvia, Nicco, Antonio, Beppe, Stecco, Giulio, Poza, Nico, Rupert e Sasha nel cuore, per la libertà di tutti e tutte.

Mercoledì 20 marzo ci sarà la presentazione del corteo presso la sede di Radio Blackout, alle 20:30 in via Cecchi 21/a.

Continue reading

Posted in Castellano, Eventos, Français, Italiano, Llamamiento, Manifestación, Solidaridad | Tagged , , , | Comments Off on Torino: Blocchiamo la città – Corteo contro sgomberi e repressione – 30 Marzo 2019 [ITA-FRA-CAS]

[Fanzine]: Antifeminismo y agresiones de genero en entornos antiautoritarios y espacios liberados [CAS-CAT-ENG]

antifeminismo y agresiones de género

“ANTIFEMINISMO Y AGRESIONES DE GÉNERO en entornos antiautoritarios y espacios liberados” es el título del fanzine que he terminado hace unos días. Y cómo reseño en la contraportada: “Este texto nace del deseo de responder a algunas de las cuestiones que surgen dentro del entorno antiautoritario cuando se da una agresión de género. De querer avanzar y reabrir un debate en los espacios afines que nos haga cuestionar nuestros posicionamientos y actitudes. De elaborar unas reflexiones de las que quede constancia. Desde una perspectiva feminista, escrito desde la crítica y la autocrítica, desde la experiencia y el aprendizaje, pensado específicamente como un acercamiento de posturas hacia las compañeras no feministas. Algunas de la preguntas que se lanzan son: ¿Qué es una agresión de género? ¿Quiénes agreden? ¿Cómo podemos defendernos? ¿Cómo posicionarnos ante otras agresiones? ¿Cómo apoyar a la agredida? ¿Qué hacer con el agresor? Antifeminismo, comunicados y espacios no-mixtos.”

Si a alguna le apetece tratarlo más personalmente escribid al mail (rechazodistro@gmail.com), encantadísima.

Muchas gracias a todas las que habéis contribuido a este texto, bien sea apoyando con las correcciones, animándome a escribir, llevándome la contraria o reforzando mi perspectiva.

Adjunto el fanzine en pdf. (La portada se imprime a doble cara y el cuerpo en modo folleto. También tengo copias físicas, por si alguien quiere). Está casi la traducción al inglés y por revisar la versión en francés. Si alguna está interesada en hacerlo a otro idioma, que me contacte.

Difundídlo si os apetece.

Un abrazo preciosas!

A.

[CAT-ENG]…

Continue reading

Posted in Antisexismo, Castellano, Catalá, English, Fanzines, Gender violence | Comments Off on [Fanzine]: Antifeminismo y agresiones de genero en entornos antiautoritarios y espacios liberados [CAS-CAT-ENG]

Italy: Update on the repressive operation “Scintilla” in Turin and news on the operation “Renata” in Trento/Rovereto [ENG-DEU]

This is an update about the repressive operation “Scintilla” in Turinand news about the operation “Renata” in Trento/Rovereto.
Freely translated and summarized from Macerie
autistici.org/macerie/
and Roundrobin roundrobin.info/
Originally published in German on Barrikade.info
barrikade.info
***Turin – Operazione Scintilla***
Giada and Larry were released from custody.
The accusation of subversive association (Article 270) was dropped. The other accusations remain for all defendants, except:
Niccolò was sentenced to “double imprisonment”, one for art. 270, the other for a firecracker apparently found in his house.
Background information on Turin, see
https://enoughisenough14.
You can continue to write letters to and support the remaining Turin
prisoners:

Continue reading

Posted in Deutsch, English, Noticia, Repressión | Comments Off on Italy: Update on the repressive operation “Scintilla” in Turin and news on the operation “Renata” in Trento/Rovereto [ENG-DEU]